SANTO DEL GIORNO 16 Maggio 2013: Elenco di tutti i santi che sono venerati il giorno 16 (Giovedì) nel mese di Maggio nel calendario 2013. Il calendario è organizzato, secondo la tradizione della Chiesa Cattolica, con un anno liturgico in cui ogni giorno viene ricordato e venerato un santo (o più di uno). L'onomastico è la ricorrenza cristiana in cui si festeggiano tutte le persone il cui nome coincide con quello del santo del giorno nel Calendario liturgico, qui possiamo sapere quando dare gli auguri per l'onomastico di amici e parenti.
SANTO DEL GIORNO 16 Maggio 2013
Qui troviamo tutti i santi che sono venerati o ricordati in questo giorno dell'anno secondo la chiesa cattolica, per scoprire gli onomastici e poter fare gli auguri.
Santi del 16 Maggio: San Giovanni Nepomuceno, Sant'Onorato, Sant'Ubaldo, Santa Gemma Galgani e San Luigi Orione .



NOTE SUL CALENDARIO E I SANTI DEL GIORNO: Il Calendario liturgico è un calendario in ordine cronologico delle feste celebrate giorno per giorno dalla liturgia della Chiesa cattolica; le singole diocesi vi aggiungono le festività proprie.
Il calendario liturgico romano, regolato dalla Pontificia sacra congregazione dei riti, è comune a tutte le Chiese di rito latino; ogni Chiesa vi può apportare soltanto piccole variazioni di date o di feste santorali; ha inizio con l'Avvento.
Il calendario ambrosianopresenta alcune varianti con particolare riguardo alla durata dell'Avvento e della Quaresima.
Il nuovo calendario liturgico romano, promulgato il 21 marzo 1969, è entrato in vigore il 1° gennaio 1970. Per valorizzare maggiormente i grandi cicli liturgici (Avvento, Natale, Quaresima, Pasqua), secondo le direttive del concilio ecumenico Vaticano II, questi periodi sono stati liberati dalle feste dei santi.
Inoltre tutta la sistemazione dei santi nel calendario ha subito modifiche più o meno consistenti.
Così quanti non rivestivano caratteri di universalità e attualità hanno ceduto il posto ad altri più attuali e più significativi per i tempi moderni; di altri è stata spostata la data; di altri ancora sono stati mutati il grado di celebrazione liturgica e l'estensione del culto (da culto universale a culto locale).
Memoria liturgica è il termine della liturgia della Chiesa cattolica che si usa per indicare quelle celebrazioni del santorale che hanno minore importanza liturgica. Essa può essere facoltativa (Memoria ad libitum), se è lasciata al celebrante la decisione se officiare o meno al commemorato, od "obbligatoria", se lo impongono il calendario liturgico o le esigenze del luogo.
Hanno il grado di memoria la maggior parte delle celebrazioni dei santi. La memoria non prevede né il canto del Gloria né del Credo che sono esclusive delle feste la prima, la seconda delle solennità.
Le memorie si celebrano solo se non cade quello stesso giorno una celebrazione di importanza maggiore: all'uopo il Messale e i libri della Liturgia delle ore riportano all'inizio una tabella in cui si determina l'importanza relativa delle varie celebrazioni dell'anno liturgico, e la loro reciproca precedenza.
In particolare le memorie che cadono in Quaresima sono celebrate in tono ancora minore, per evitare di togliere forza alla stessa Quaresima, e sono dette commemorazioni.

Altri mesi del 2013
Calendari:
Torna alla Home

SCRIVICI - NORME PRIVACY - HOME                       
Non si assumono responsabilità per errori o omissioni sui dati inseriti o scaricati dal nostro sito.